Servizio Civile Universale 2022

Servizio Civile Universale 2022

Il Bando

Il Bando per la selezione degli operatori volontari di Servizio Civile Universale 2022 prevede l’avvio di 71.550 operatori volontari in 2.989 progetti, afferenti a 530 programmi di intervento, da realizzarsi in Italia 484 programmi da realizzarsi in Italia e 192 progetti, afferenti a 37 programmi di intervento, da realizzarsi all’estero.
Alle Acli, quale ente titolare di accreditamento, sono stati assegnati 773 operatori volontari, di cui 730 per i progetti che si svolgeranno sul territorio nazionale, 38 per i progetti all’estero.
I progetti vedono il coinvolgimento di circa 50 enti di accoglienza esterni che hanno scelto di accreditarsi al servizio civile universale con le Acli e con i quali sono stati costruiti co-progetti o progetti autonomi integrati nei programmi d’intervento presentati a titolarità Acli.

Durata e impegno

I progetti avranno tutti durata pari a 12 mesi con un’articolazione oraria di 25 ore di servizio settimanali, sia per i progetti in Italia sia per i progetti all’estero.

Chi può partecipare

Possono presentare domanda per il Bando volontari 2022 i giovani tra i 18 e i 28 anni (cittadini italiani/ cittadini di un altro Paese dell’Unione Europea/ cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia) presentando domanda, esclusivamente in modalità online

Scadenza per le domande

Si potrà presentare domanda fino alle ore 14.00 di venerdì 10 febbraio 2023.

Cosa ottengono i partecipanti

I giovani che saranno selezionati per partecipare al Servizio Civile Universale per il Bando 2022 nelle Acli e negli enti di Accoglienza appartenenti al sistema Acli avranno diritto a:

  • Firmare un contratto di servizio con il Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio civile universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e ricevere un rimborso spese mensile di 444,30 euro; per il servizio civile all’estero si aggiunge un’indennità giornaliera tra i 13 ed i 15 euro in base al paese di destinazione;
  • Valutazione dell’esperienza, ai fini dei concorsi pubblici, al pari di un servizio prestato presso la Pubblica Amministrazione;
  • Riscatto dei mesi in servizio civile ai fini del trattamento previdenziale;
  • Partecipare a 114 ore circa di formazione complessiva suddivisa in formazione generale e formazione specifica;
  • Ricevere la certificazione delle competenze rilasciata da Ente Terzo;
  • Usufruire di 20 giorni di permesso e 15 giorni di malattie (oltre al riconoscimento di eventuali permessi straordinari regolati da specifica normativa);
  • Tutoraggio, per i soli progetti realizzati in Italia, pari a 21 ore (suddivise in 17 ore collettive e 4 ore individuali), finalizzato a fornire agli operatori volontari, attraverso un percorso di orientamento al lavoro, strumenti e informazioni utili per progettare il loro futuro formativo/professionale al termine del servizio civile.

Come partecipare e inviare la domanda

Per partecipare al bando, è necessasio fare domanda sulsito Acli
Per chiarimenti:

  • pavia@acli.it
  • 0382/29638 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 16.30

I progetti di Pavia

Il domani è già qui
Cod. Progetto PTXSU0006022012567NXTX
Sede: Acli Provinciali di Pavia APS, Viale Cesare Battisti 142, Pavia
Ambito del programma: Accessibilità alla educazione scolastica, con particolare riferimento alle aree d’emergenza educativa e benessere nelle scuole. Interventi di contrasto alla povertà educativa e alla dispersione scolastica.Attività di tutoraggio scolastico.
Il progetto Il domani è già qui intende operare nell’ambito della povertà educativa affrontando il tema della dispersione scolastica, in particolare ha come obiettivo quello di contenere il numero degli abbandoni e migliorare i rendimenti scolastici dei giovani studenti, italiani e stranieri.
Nello specifico si agirà attraverso il sostegno didattico, quello linguistico e a attraverso spazi più informali di apprendimento, come centri ed Oratori estivi, ma anche con il supporto di laboratori ludico-didattici.
Numero volontari: 1

Il mondo della cura
Cod. Progetto PTXSU0006022012573NXTX
Sede: Acli Provinciali di Pavia APS, Viale Cesare Battisti 142, Pavia
Ambito del programma: Sostegno, inclusione e partecipazione delle persone fragili nella vita sociale e culturale del Paese
Obiettivo principale del progetto Il mondo della cura è quello di contrastare l’isolamento sociale delle donne impiegate nel lavoro domestico e di cura e dei loro figli. Da una parte si cercherà di promuovere l’empowerment delle donne beneficiarie del progetto, con un accento particolare sulla conciliazione delle responsabilità lavorative e con quella educativa dei figli; dall’altra attraverso attività volte alla socializzazione si cercherà di creare degli spazi fisici e non solo per uscire dall’isolamento e dalla completa dedizione alle attività di cura di altri.
Saranno supportate le attività degli sportelli lavoro dedicati al lavoro di cura, saranno attivati dei corsi di lingua per le donne beneficiarie e per i loro figli minori e saranno attivati laboratori e seminari e approfondimenti sulla genitorialità e sulla conciliazione dei tempi di lavoro e familiari.
Numero volontari: 1

Famiglie più forti
Cod. Progetto PTXSU0006022012574NXTX
Sede: Circolo Acli La Torretta APS, Via Torretta 14, Pavia
Ambito programma: Sostegno, inclusione e partecipazione delle persone fragili nella vita sociale e culturale del Paese. Educazione e promozione dei diritti del cittadino. Migranti
Il progetto Famiglie più forti mira a potenziale le misure a sostegno delle famiglie più fragili intervenendo sulla vulnerabilità sociale e su quella economica. Rispetto alla prima il fine è quello di migliorare le condizioni sociali e relazionali della famiglie con minori in età scolare, disabili e/o anziani e di ridurne il disagio; riguardo alla seconda vulnerabilità, il fine è quello di ridurre la propensione allo spreco e promuovere il risparmio economico.
Le attività saranno di animazione e doposcuola, attività formative ed informative sulla genitorialità e sportelli di mediazione famigliare, attività di supporto a famiglie con disabili e attivazioni di reti solidali.
Numero volontari: 1

La documentazione